Ferro Solo – Doppelgänger

583

Mi chiamo Ferruccio Quercetti e suono dal 1996 in una band che si chiama CUT. Difendermi dal mondo, dagli altri e soprattutto da me stesso con il primitivo arsenale espressivo di cui dispongo è quello che faccio più o meno da sempre. Per questo fine la mia arma preferita è sempre stata la musica, o meglio il rock and roll nelle sue varie forme e accezioni, suonato come mi veniva. Negli ultimi due anni ho ricominciato a buttare giù una serie di canzoni con la chitarra acustica, come facevo da ragazzino, quando non avevo nessun altro con cui suonare.

In breve tempo le canzoni sono diventate tante e ho iniziato a suonarle dal vivo e a registrarne qualcuna con l’aiuto di alcuni amici. ‘Doppelgänger’ è la mia prima uscita ufficiale come Ferro Solo. Insieme ad altre 25 canzoni, ‘Doppelgänger’ è stata registrata e mixata da Andrea Rovacchi presso il Bunker Studio di Rubiera (RE). E’ il primo capitolo di una serie di brani che narrano la storia di Fernando, il protagonista di un ciclo di canzoni che si dipaneranno un po’ come un feuilleton romanzesco che non obbedirà però ad alcuna regola aristotelica di unità di tempo, spazio e azione: del resto sono circa trent’anni che mi sento dire che viviamo in tempi di post-postmodernismo e allora mi sono adeguato anche io.

In questo brano, come è avvenuto per altri brani delle session di cui sopra, sono in compagnia di una band formata da alcuni dei miei migliori amici. Se qualcuno molto più autorevole di me diceva che “il cinema si fa con le persone che ami” non vedo perché questa massima non possa essere applicata anche alla musica. Se poi i tuoi amici sono anche musicisti come Sergio Carlini (Three Second Kiss, Serra/Carlini, Jowjo), Francesco Salomone (Forty Winks, Qlowski, CUT), Davide Montevecchi (Chow, Tunas), Riccardo Frabetti (Chow, Tunas) e lo stesso Andrea Rovacchi (Julie’s Haircut) non puoi che ritenerti estremamente fortunato. Sono orgoglioso infatti di presentarvi i Fernandos, la mia amorevole, dinamica e, soprattutto, paziente band. Potete ascoltarli “in full effect” su ‘Doppelgänger’, mentre mi aiutano a raccontare la mia grezza e disadorna storia in un modo che io da solo non sarei mai riuscito neppure a immaginare.

Ascolta Doppelgänger qui:

Bandcamp

Soundcloud

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here