Eagles of Death Metal: il riassunto delle brutture giornalistiche

1475

Ero andato a letto presto quel maledetto venerdì 13 novembre, il solito invalidante mal di schiena che mi affligge a giorni alterni si era fatto sentire prepotente già dal primo pomeriggio. Al mio risveglio il primo impatto con la notizia è stato devastante, la tragicità dell’avvenimento, già di per sé di proporzioni inimmaginabili, mi arrivava enormemente amplificato. Gli Eagles of Death Metal fanno parte di un movimento che seguo da più di vent’anni, è come se conoscessi ognuno di loro, comunico frequentemente con persone che li conoscono direttamente, persone come me unite dalla stessa passione per la musica che proviene dal deserto della California.

È per questo che tutte le imprecisioni che ho letto e sentito in questi giorni mi hanno fatto si sorridere, ma anche riflettere. Non è ammesso che giornalisti professionisti ne sparino tante pur di riempire due colonne, un copia e incolla senza freni pieno di errorini più o meno gravi. La domanda che mi faccio è: ma quando si parla di argomenti che non conosco che cosa ascolto e leggo? Sarebbe stato facile dover parlare di un gruppo conosciuto ai più, uno di quelli che risiede stabilmente nelle classifiche, invece il destino ha voluto che questi pseudo giornalisti divenissero vittime della notizia, costretti a cimentarsi con un complesso nato per divertirsi, divertire e dissacrare tutto partendo proprio dal nome che ha causato tanta confusione tra i vari media.

La prima perla la ascolto al TG5 il sabato mattino presto, “il gruppo Metal Eagles of Death”, una scomposizione bizzarra dove parte del nome diventa un genere! E comunque i telegiornali tutti etichettano gli EODM come gruppo Heavy Metal a mani basse. Nei giorni seguenti leggo e sento di tutto, finché, quando vedo i ritagli di quotidiani postati da Nerds Attack! sui social decido di fare alcune ricerche in rete. Per prima cosa mi metto nei panni del giornalista di turno che non sa cosa scrivere e cerca informazioni. Vado sulla versione inglese di Wikipedia. Quello che leggo è corretto, sintetico e preciso, la discografia è azzeccata (quattro album all’attivo) e la spiegazione della scelta del nome è quella che ricordavo aver letto circa dieci anni fa su una rivista cartacea estera. Tutto facile dunque, no, pare di no. Poi cerco “eagles of death metal name origin” e trovo questa intervista d’epoca da cui estraggo:

Bullz-Eye:
Okay, first thing’s first: I have to tell you that Eagles of Death Metal is the best band name I’ve heard in years.
Jesse Hughes:
Aw, thanks, man, that’s so sweet.
BE:
What was the origin of it?
JH:
Well, my friends and I, Joshua (Homme, leader of Queens of the Stone Age and drummer for EoDM) included, we were in the back of a VW van, smoking pot and eating graham crackers, which is the most insane combination in the world. You might as well smoke pot and eat sand at the same time. Our friend, who was a huge death metal fanatic, was really trying to get us to love death metal. So he put on band after band, like, “Dude, check this one out! Okay, you don’t like that one, okay, check this one out!” And he put on a band, I think it was Vader, and I had this big mouth full of graham crackers, and I’m like, “That’s not death metal.” And Joshua goes, “That’s like the Eagles of death metal.” And I spit graham crackers everywhere, because everyone started laughing. So that’s the origin of the band name.

Svelato l’arcano? Facendo altre ricerche di perle ne trovo tante, di seguito alcuni tra gli innumerevoli articoli che galleggiano in rete.

Formiche.net
“I due componenti principali della band, Jesse Hughes (43 anni) e Josh Homme (42 anni) sono conosciuti per le dichiarazioni su sesso, droghe, alcol e rock. I due sono sopravvissuti all’attacco. Josh Homme collabora anche con un altro gruppo: Queens Of The Stone Age”.

Si certo Josh Homme è sopravvissuto, è a casa in California con la famiglia, starà facendo dichiarazioni su sesso, droghe, alcol e soprattutto rock. Leggete l’articolo vi prego!

Panorama.it
Devo dire che è il miglior pezzo che ho letto in questi giorni, ma l’errorino c’è, come già letto in Wikipedia e su Bullz Eye, riguardo al nome si parla del gruppo Vader, vorrei sapere i Poison, che troveremo anche in altri articoli da dove sono venuti fuori.

Repubblica.it
“Nel 2006 il secondo disco, Death by Sexy. Successo confermato. Poi un’altra pausa. I progetti di Josh Homme con i Queens Of The Stone Age diventano ancora una volta troppi densi. Nell’ottobre del 2015 il loro ultimo album, Zipper Down. “

Per questo signore il terzo album ‘Heart on’ del 2008 non esiste, e comunque abbraccia la teoria Poison.

Firstonline.info
Anche qui si copia e incolla il nome Poison! Ma c’è altro:
“Da qui l’idea di scrivere della musica pensando ad un incrocio tra gli Eagles ed il death metal. Leader della band è il batterista che faceva parte anche di un altro gruppo all’epoca più famoso: i Queens of the Stone Age.”

Si la musica è proprio un incrocio come dice lei, e mi raccomando, all’epoca i QOTSA erano molto più famosi, poi sono andati nel dimenticatoio vero?

lacooltura.com
Articolo corretto che fa le pulci agli altri, caro Dj Aniceto statte bono va, ma che inciampa sui biondissimi Poison!

Sorrisi.it
A parte il venerdì 14 (?) ma non era il 13?, solo qualche errorino perdonabile, “incisero anche le loro prime canzoni per l’antologia Desert Sessions”, le Desert Sessions non sono un’antologia, ma un progetto parallelo di Josh Homme.  Anche qui il terzo disco non si calcola.

Ilsussidiario.net

Daje de Poison.

Mi chiedo a questo punto da dove parta l’origine del nome Poison che piace tanto e solo alla stampa italiana. Scopro che Wikipedia Italiano afferma la seguente cosa, vorrei segnalare a chi non lo sapesse che Wikipedia può essere editato da chiunque o usando proprie conoscenze o usando riferimenti e link attendibili, dunque non prendete per oro colato quello che trovate scritto in quelle pagine perché di imprecisioni ce ne sono molte, soprattutto quando l’argomento trattato non è nella lingua originale.

Onstageweb

Francesca Vuotto le azzecca tutte, brava! Ma comunque devo dirvelo, vi siete sbagliati, non è Josh Homme il membro fondatore che suona anche la batteria negli EODM, il batterista è Carlo Von Sexron, Homme si dedica solo ad i QOTSA.

E poi i già ampiamente “citati” Gazzetta dello Sport, Corriere della Sera, La Stampa…

Comunque al peggio non c’è mai fine, grazie della morale religiosa:

Dato che Rita Sberna ha cancellato il suo articolo apparso oggi vi indico prima di tutto la sua risposta al gesto compiuto e un nuovo link dove poter leggere l’illuminante teoria della Signora Sberna oltretutto commentata, è solo l’inizio.

L’apice però è toccato qua!

Alessandro Bonini

1 COMMENT

  1. Dato che Rita Sberna ha cancellato il suo articolo apparso oggi su http://www.cristianitoday.it/e-fu-cosi-che-inneggiando-al-demonio-si-scateno-linferno-al-bataclan/ vi indico prima di tutto la sua risposta al gesto compiuto http://www.ritasberna.it/web/a-proposito-dellarticolo-sul-metal-e-il-bataclan/ e un nuovo link dove poter leggere l’illuminante teoria della Signora Sberna oltretutto commentata, è solo l’inizio.
    http://www.nextquotidiano.it/la-strage-di-parigi-colpa-di-satana1

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here