Dick Dodd – R.I.P.

418

E’ morto venerdì 29 novembre Dick Dodd, batterista e cantante dei leggendari The Standells, la band che viene ricordata per il celebre singolo ‘Dirty Water’ del 1966. Dodd, classe ’45, era nato in California, e dopo un’infanzia da bambino prodigio, lo ritroviamo nei Bel-Airs e negli Eddie and the Showmen. Il surf rock del periodo impera e detta legge. Entra negli Standells “curati” dal noto produttore Ed Cobb (quello che scriverà ‘Tainted Love’…). Dodd è morto ad Orange County a causa del solito male incurabile.

Straordinaria icona del garage punk degli anni ’60, si forma a Los Angeles nelle persone di Lawrence Tamblyn (tastiere, voce e chitarra), Tony Valentino (chitarra), Gary Lane (basso, voce) e Gary Leeds alla batteria (poi sostituito da Dick Dodd nel 1963, in seguito diverrà Gary Walker e troverà fortuna nei Walker Brothers). Scelgono il nome ricordando i giorni passati ad aspettare fuori dall’ufficio del lavoro e vengono “scoperti” dal talent scout Ed Cobb, dopo un passato che li vede realizzare singoli ed album per serie TV e film come “Get Yourself A College Girl”. Il sound ruvido e abrasivo è fortemente influenzato dai Rolling Stones, come è dimostrato dal primo leggendario singolo ‘Dirty Water’ (scritto da Cobb sull’esperienza di una passeggiata con la sua ragazza lungo il fiume di Boston). Pubblicato nel 1966 dalla Tower (sussidiaria della Capitol) si arrampica fino al numero 11 della chart nazionale di Billboard. L’immagine da ragazzi di “strada” viene cementata dai seguenti singoli come ‘Try It’, successo in quel di Los Angeles ma bandita dalle radio per il tema considerato scabroso di una ragazza alle prese con la sua verginità. Il successivo passo è ‘Riot On Sunset Strip’, canzone e nome del film nel quale compaiono con la Chocolate Watch Band. Nel 1967 Lane lascia in favore di Dave Burke ed il gruppo è ad un importante crocevia: decidere quale strada intraprendere. Rifiutano a Ed Cobb il brano ‘Tainted Love’ che lo stesso produttore porterà al successo donandolo a Gloria Jones (diverrà un classico degli anni ’80 nella versione dei Soft Cell di Marc Almond) famosa anche per essere la sfortunata compagna di Marc Bolan. L’influenza dell’etichetta soul Stax e l’avanzata della psichedelia conducono il gruppo verso la fine, non prima di realizzare un ultimo singolo ‘Animal Girl’ e di veder passare in formazione il bassista John Fleck (presente in una prima incarnazione dei Love e autore di ‘Can’t Explain’) e Lowell George futuro Little Feat. Dick Dodd realizza nel 1968 un album per la Tower prodotto da Ed Cobb, Tamblyn e Valentino fondano la label Telco a metà anni ’80. Si riuniscono per alcune date live nel 1986 e il trio “originale” Dodd, Tamblyn e Valentino torna insieme nel 1999 al Westbeth Theatre di New York per il Cavestomp Festival. [da Guida Garage Rock di Tamagnini/Bonini]

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here