David Roback – RIP

356

Un addio silenzioso, discreto. Come discreto era stato durante una carriera magnifica, nodale, cristallina. A 61 anni (“the cause was metastatic cancer”) ci ha improvvisamente lasciati David Roback, che consegna un testamento musicale scritto nei libri di storia alle pagine Rain Parade, Opal e Mazzy Star. Siamo a Los Angeles, California, insieme al fratello bassista Stephen forma gli Unconscious che registrano anche la presenza di Susanna Hoffs (futura Bangles) che oggi commossa scrive: “Peace and love David Roback… my first musical partner and my very dear friend. You will be eternally missed”. Quindi nel 1981 fonda con Matt Piucci i Sidewalks che presto cambieranno nome in Rain Parade. Siamo nell’epicentro del Paisley Underground, il delizioso punto di contatto tra psichedelia, pop e garage rock profumato dai pionieri che compongono un background inarrivabile (dai Byrds ai Love, dai Quicksilver Messenger Service ai Creedence Clearwater Revival, giusto per focalizzare qualche coordinata). Nel 1983, dopo il primo album, Roback lascia per formare la all star band Rainy Day (un solo lavoro omonimo nel 1984) che comprende praticamente tutte le figure chiave del “movimento” californiano. Poi l’intuizione. L’alchimia si fonde a meraviglia con Kendra Smith dei Dream Syndicate e con Keith Mitchell: nascono gli Opal (inizialmente Clay Allison per un solo singolo). Due EP e un unico straordinario album (1987) vedono la luce prima che la Smith lasci in favore di Hope Sandoval (che arriva con l’esperienza alle spalle fatta nel duo Going Home assieme a Sylvia Gomez prodotto proprio da Roback). Ma nel 1989, dopo un paio di anni di tour ancora come Opal, la band decide per adottare il nome Mazzy Star. Tra break, riprese e reunion, sono quattro i dischi che vengono pubblicati con l’apice toccato certamente grazie ai primi tre capolavori (1993-1996). Nel 2018 erano tornati live dopo cinque anni di “pausa”.

In queste ore continuano copiosi ad arrivare tributi via social. Tra gli artisti che hanno voluto esprimere il loro dolore ci sono anche Steve Wynn, Anton NewcombeColin Meloy (The Decemberists), Carl Newman, J Mascis, Jennifer O’Connor, Modern Nature, The Pastels, EyelidsSleigh Bells, The Vacant Lots, Craig Wedren, Simon Raymonde (The Cocteau Twins, Bella Union Records), Clairo, Doug GillardGrasshopper, Beth Orton e Karen Elson. Ci piace allora chiudere proprio con le parole di quest’ultima:

My heart is so unbelievably heavy. One of my favorite musicians,in fact my all time favorite guitar player the brilliant David Roback has gone to join the endless jam up in heaven. I discovered his mythical guitar playing via the brilliant Mazzy Star which I bought on a whim when I was 15 and became hooked by the magic this band possessed. She Hangs Brightly, Mary Of Silence, All Your Sisters too many too songs to count, between Hope’s voice and his elusive guitar playing I was mystified. Through Mazzy Star I discovered Opal and The Rain Parade and became obsessed with all things this man was a part of. It was always my dream to work with him, but alas that was not to be. I can’t imagine how hard this must be for Hope, all his band members and loved ones. Even for a stranger I feel his loss because his music meant so much to me. Rest In Peace and your beautiful sounds will always linger on…