Date At Midnight @ Jungle [Roma, 12/Ottobre/2007]

470

Un venerdì fra il Gotha del goth romano: nella giornata di apertura della nuova stagione di concerti e serate dedicate alle sonorità più oscure, intitolata quest’anno Dance Or Die, suona un gruppo di recente formazione alla sua seconde esibizione live ma che sicuramente cattura già l’attenzione dei “forzati” del genere. Tipo me. I romani Date At Midnight si presentano con i loro nomi di battesimo: Daniele (voce, ex Interior Deus), Pasquale (basso, ex Echoes Of Silence), Francesco (chitarra) e Danilo (batteria, ex Dirty Fake). La loro musica è un connubio interessante fra sonorità post punk ed altre decisamente death rock. La performance di Daniele, in particolare, rimanda a visioni allucinate e malate: un vero acting trascinato dalla musica, spontaneo vivo ed imprevedibile. Raramente vediamo frontman così coinvolti e coinvolgenti. La ritmica del gruppo è decisamente da sottolineare: Pasquale con un suono spettacolare regge le strutture dei pezzi con delle linee molto originali, egregiamente suonate. Danilo è una vera macchina da guerra, il batterismo post punk è con lui e con il suo spirito. Francesco disegna riff lisergici e spettrali con la sua chitarra sopra questa impalcatura perfetta. Fra i pezzi notevoli della loro giovane produzione risaltano sicuramente “Lost In Kreuzberg” e la omonima “Date At Midnight”, la prima una vera cavalcata post punk, la seconda un viaggio straniante nel buio più profondo. Una cover di “Romeo’s Distress” dei Christian Death delinea chiaramente la provenienza di una delle loro ispirazioni. Una delle innumerevoli che si fondono nella loro musica, difficilmente inquadrabile sotto una specifica etichetta. Evviva, dico io. Ne abbiamo anche abbastanza di cloni. In autunno i Date At Midnight entreranno in studio per registrare il loro primo EP. Staremo a vedere.

Simona Ferrucci

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here