Conrad SCHNITZLER – R.I.P.

546

E’ morto il 4 agosto all’età di 74 anni per un tumore allo stomaco uno dei pionieri del suono elettronico all time. Conrad Schnitzler, nato a Düsseldorf, è stato membro dei Tangerine Dream per un breve periodo tra il 1969 ed il 1970 prima di fondare i Kluster e lasciarli nel 1971 per dedicarsi agli Eruption e quindi ad una carriera solista che arriverà ad oltre 100 incisioni, l’ultima delle quali (’00/830′) completata qualche giorno prima della sua morte. Influenza primaria per Brian Eno come per i Radiohead (giusto per citarne due su centinaia) Schniztler era parte anche del Global Living Project e questa era e rimane la sua idea:

Since some time, I globalize me.
Why just living in one country,
why just sleeping in one country,
why just being buried only in one country,
now that we think and live globally.

I would like to be at beautiful places in the world,
without to move me from my place here.
I send my DNA (my hair) to different places in the world.
This means I’m all over the world.
I’m everywhere, even when I’ll be dead.
Nobody must come to my grave in Berlin.
My friends can visit me in the whole world now.

So if friends want to give me a place…., welcome.
I’ll send a DNA sample to bury me.
I am in the whole world at home now. I love this feeling.

IL SITO DELL’ARTISTA