Coloss + Downright + Taste The Floor @ Traffic [Roma, 16/Novembre/2007]

373

Veloce. Sempre di più. 30 secondi e appresso un’altra. 4/4 mid tempo per farsi due salti di two step e 2/4 ultrafast per il pit selvaggio. La struttura perfetta per un pezzo HC. Riesco a vedere solo pochi minuti (in apertura) dei Taste The Floor che mi sono sembrati molto migliorati, soprattutto come presenza sul palco, rispetto all’ultima volta. I Downright da Genova con cantante donna, nonostante la scarsa presenza scenica iniziano a scaldare la serata con il loro HC influenzato dai gruppi storici italiani. Alla seconda birra inizio già a sentire il richiamo del pit, quando la gente inizia pian pianino a disinibirsi. Ogni minuto che passa si aggiunge qualcuno al cerchio dei ballerini. Bello show, a fine serata mi sarò comprato la loro maglietta.

In concomitanza con la mia quarta birra arrivano i Coloss. Fast HC granitico. Set lunghissimo, tiratissimo. Nè alti nè bassi, solo 45 minuti di follia pura nei quali i romani suonano, più o meno, tutta la loro discografia, tanto che al secondo bis non sapranno più cosa proporre. Volano braccia, gambe, esseri umani interi, birre e i miei occhiali nuovi. Ne volevamo sempre di più perchè dopo un po’, la velocità inizia a diventare una droga e smettere di sbracciarsi insieme ai colleghi danzatori diventa più difficile ogni minuto che passa. A chi importa che i pezzi dei Coloss sembrano tutti uguali quando dal vivo riescono a tirare su uno spettacolo del genere? Questa non è nient’altro che una delle molteplici forme in cui si può manifestare Nostra Signora Rockarolla che, a Roma, ha il suo luogo sacro al Traffic. Fine serata, si ritorna verso casa in bici, magari passando a San Lorenzo per prendere l’ultimo drink. Ruota bucata a Castro Pretorio. 2 ore a piedi fino a casa. In ogni caso… ANDATE IN BICI!

Andrea Di Fabio

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here