Chk Chk Chk @ Monk [Roma, 11/Novembre/2017]

160

Era il 2014, una vita concertistica fa, quando sobbalzammo per la prima volta dinanzi a un live dei !!!, negli anni sempre più conosciuti come ChK Chk Chk, al Primavera Sound di Porto, di fronte all’oceano e in mezzo a un fiume di gente divertita e coinvolta, anche in maniera diretta da Nic Offer, sceso sul prato del Parque da Cidade per arringare la folla. Erano tra ‘Thr!!!er’ e ‘As If’, due album davvero ben riusciti. Li ritrovammo poi nel febbraio dello scorso anno al Monk, con l’aggiunta di una vocalist atta ad incrementare l’imprevedibilità della band e a giocherellare con il tarantolato frontman. Se qualcuno può pensare che al terzo live possa esserci stato un calo di tensione ed interesse si sbaglia di grosso, perchè la proposta del collettivo di Sacramento si è rinnovata nel tempo, con una vena creativa che non ha mai smesso di pulsare e promette di non farlo ancora per un bel pezzo. Oltre al nuovo LP, ‘Shake the Shudder’, che come al solito arriva a due anni dal precedente, primo col vocalist in copertina, era presente al banchetto del merch (e poco dopo nella nostra personale discoteca) un 33 giri con ulteriori sei pezzi nuovi. Il Monk è affollato, sebbene non sold out, ed accoglie con grande entusiasmo l’ingresso sul palco di tutti i membri della band, fino all’arrivo, che si fa attendere qualche secondo in più, della star Nic Offer, col suo iconico look composto da giacca azzurra, t-shirt e pantaloncini corti da tennista anni ’80. Sin da subito le sue mosse di danza e le sue espressioni facciali provocatorie catturano l’attenzione dei presenti che sentono di avere il via libera per scatenarsi già sul brano di apertura ‘NRGQ’, pezzo nuovo ma già molto apprezzato. La setlist si concentrerà sugli ultimi lavori e non ci dispiacerà, visto che la recente produzione non ha nulla da invidiare a quella passata. ‘Dancing is the Best Revenge’ e ‘Fredoom ’15’ saranno i due momenti di maggior esaltazione collettiva, insieme a quello in cui il frontman si lancerà in mezzo al pubblico ballando tra di noi e incitandoci a fare ancora più casino. Commetteremo l’errore fatale di dargli una pacca sulla spalla, trovandoci sulla mano la proverbiale striscia di lumaca. I loro live sono sempre stati energici e l’aggiunta di Lea Lea con la sua voce coinvolgente e soul dà un apporto notevole, anche a livello coreografico, visto che Offer trova una degna sponda per le sue follie. La durata dei brani molto lunga farà sì che la scaletta sarà composta soltanto da nove pezzi, incrementati da un doppio encore. L’apprezzamento dei presenti sarà tale da far rientrare la band per ben due volte: prima per ‘Heart of Hearts’, poi anticipata dal solo Offer che violenta la batteria, facendo da apripista agli altri membri per ‘Our Love (U Can Get)’, tratta dall’ultima fatica discografica. Uno spettacolo godibilissimo, un tuffo nei primi anni ’80 e una sentenza: i !!! sono decisamente una band da godersi live, o al massimo ascoltando i loro lavori studio con la mente a quello che trasmettono quando sono su un palco.

Andrea Lucarini

Foto dell’autore

Commenta

Please enter your comment!
Please enter your name here