BLACK TAMBOURINE

561

Una decisiva influenza per tutta la scena newyorkese della seconda decade del nuovo millennio (ma non solo). I Black Tambourine formati vent’anni fa dalla convergenza di membri provenienti da Velocity Girl e Whorl. Capeggiati da Pam Berry (con lei ci sono Brian Nelson, Archie Moore e Mike Schulmane) si accasano ben presto nell’allor giovane Slumberland Records. Pensate al flavour “spectoriano” immerso nel sound dei Jesus & Mary Chain. Una sorta di twee pop all’ennesima potenza ma con le abrasioni dell’indie di fine anni ’80. Poco più di due anni di vita. Lo split nel 1991 e un’eredità quantificata in una decina di singoli. Brani che la label americana incluse nella fondamentale raccolta del 1999 ‘Complete Recordings’. Nel 2010 quel disco esaustivo è stato bissato da un’uscita omonima, che a quei singoli ha aggiunto alcune versioni demo, e quattro tracce nuove di zecca confezionate per l’occasione dai Black Tambourine riuniti in studio. Poi sul finire dello stesso anno attraverso Bandcamp la band rende disponibile un’altra serie di rarità che ha come protagonisti quattro pezzi estrapolati dall’originale cassetta ‘Black Tambourine’.

La notizia della reunion è arrivata ad inizio gennaio. I Black Tambourine si riuniscono per un una serie di show a 21 anni dall’ultima apparizione live. L’oocasione è data dai 20 anni del magazine Chickfactor fondato dalla stessa Pam Berry con Gail O’Hara. Il 6 e 7 aprile prossimi dunque nella loro Washington saranno “aperti” nelle due serate tra gli altri da Honey Bunch, Dot Dash, Stevie Jackson, Frankie Rose, Lilys, Fan Modine, Lorelei. Il 10 poi saranno gli headliner nella prima di tre serate a Brooklyn. Insieme a questi nomi spiccano altre reunion da non sottovalutare come quelle dei Softies (splittati oltre dieci anni fa), The Aislers Set (inattivi dal 2003) e gli Small Factory scioltisi negli anni ’90.

Per finanziarsi questa reunion la band annuncia la pubblicazione via Slumberland di un EP di cover dei Ramones intitolato ‘OneTwoThree’. Ospiti dell’operazione saranno Linda Smith, Rose Melberg, Dee Dee delle  Dum Dum Girls e Jenny Robbins.